• SportNews.bz on YouTube
  • SportNews.bz on Facebook
  • SportNews.bz on Twitter
  • SportNews.bz RSS Feed

Robert Antonioli "vola" al Marmotta Trophy

Grande spettacolo alla Marmotta Trophy

Grande spettacolo alla Marmotta Trophy

20. marzo 2017, 15:14 Sci alpinismo

Robert Antonioli

Robert Antonioli

Il Trofeo Marmotta in Val Martello (BZ) ha festeggiato oggi alla grande il decimo compleanno con una gara di successo, disputata nonostante le bizze del tempo. Temperature primaverili, vento forte per tutta la notte di vigilia ed in quota durante la competizione, neve scarsa, ma gli organizzatori dell’ASV Martello hanno saputo mettere a punto un tracciato che un po’ tutti gli scialpinisti partecipanti, quasi 250, hanno esaltato per le qualità tecniche, con oltre 19 km e un dislivello di 1650 metri con salita, per i senior, fino a Punta Madriccio a quota 3260 metri.

Poche le sorprese scorrendo le classifiche, ma la giornata dei protagonisti non è certo stata una semplice passeggiata. Robert Antonioli, oggi, ha sudato (e non solo metaforicamente) le proverbiali sette camicie per aggiudicarsi il successo nella generale maschile, perché l’austriaco Jakob Herrmann e l’orobico William Boffelli lo hanno messo… in croce, soprattutto sulle salite.

La generale femminile è stata dominata dalle due espoir dell’Esercito Alba De Silvestro e Giulia Compagnoni, che hanno staccato a suon di minuti la tedesca Susi Von Borstel e l’attesa Elena Nicolini, rispettivamente prima e seconda tra le senior.

Gara molto vivace anche tra le categorie giovanili. Junior alla riscossa con Davide Magnini, che non si è voluto smentire staccando di quasi 5’ il tedesco Knopf, e Giulia Murada che ha bissato la vittoria nella sprint di sabato. Cadetti all’insegna di un veloce Matteo Sostizzo, che si è messo alle spalle Gadola e Rossi, e tra le femmine Samantha Bertolina una spanna davvero sopra tutte.

Partenza alle 9.30 per gli junior, seguiti poi dai senior e dai cadetti, con un breve falsopiano e poi subito salita verso il rifugio Corsi. Magnini, tra gli junior primi a scattare dall’ex Albergo Paradiso, ha cercato subito di scrollarsi di dosso i rivali più pericolosi. Ha fatto gara a sé e ha dominato alla grande la sua categoria col tempo di 1h28’38”. Il portacolori del CS Esercito dopo aver vinto la gara ha detto senza mezze parole ”Tutto come previsto!”. La neve, sono parole sue, lo ha fatto tribolare, ma ha voluto fare i complimenti agli organizzatori per il bel percorso, peccato solo che il vento abbia cancellato le tracce, e lui che era davanti ha dovuto faticare più del previsto. Nicolò Canclini, atteso al risultato, è stato piegato dal tedesco Knopf, sicuramente questi confronti internazionali servono anche a forgiare i giovani atleti. Fabien e Sebastien Guichardaz sono finiti alle sue spalle al 4° e 5° posto.

Giulia Murada è partita tranquilla, sapeva che la tecnicità del percorso giocava favorevolmente e così si è limitata a controllare Mara Martini e Melanie Ploner.

In tema giovanile anche i cadetti hanno regalato ai tanti appassionati saliti lungo il tracciato delle belle sfide. I pronostici degli esperti non citavano Matteo Sostizzo, ma il portacolori dello SC CAI Schio ha fatto forcing fin dalle prime battute, poi ha controllato con qualche preoccupazione quando alle sue spalle sono rinvenuti in salita Gadola e Rossi, ma sulla discesa finale lo scledense ha ristabilito la gerarchia ed i tre sono finiti nell’ordine sul traguardo.

Decisamente “nervosa” la gara senior. Lo starter stava annunciando i -10” quando gli atleti hanno rotto gli indugi ed è stata gara vera fin dal primo metro. Robert Antonioli, con l’oro iridato al collo, era il favorito d’obbligo e lui non si è certo tirato indietro. Ma sulla prima rampa William Boffelli, imitato da Jakob Herrmann, Philip Goetsch e Manfred Reichegger, ha cercato di scrivere una storia diversa. Attacco frontale dei quattro, riuscito, ma sulla prima discesa Antonioli sembrava avere le ali ai piedi invece degli sci, sulla successiva salita altro attacco e così per ogni ascesa. Insomma non è stata vita facile per Antonioli, che ha dovuto impegnarsi non poco anche sull’ultima vertiginosa discesa. Herrmann sulla neve ghiacciata ha giocato il suo jolly, ma Antonioli aveva quel filino in più di velocità da prevalere. Il cronometro ha assegnato la vittoria al valtellinese per 17” sull’austriaco Herrmann, poi subito dopo è iniziata la sfilata degli altri protagonisti con Boffelli a fare da apripista; Goetsch e Reichegger completano i primi cinque arrivi.

Nella gara espoir si è distinto Federico Nicolini a 10’ da Antonioli, e tra i master invece è stato l’austriaco Markus Stock a menare le danze davanti al portacolori dell’ASV Martello Anton Steiner.

 

All’inizio, la gara femminile aveva preso una piega diversa da come si è conclusa. Alba De Silvestro ha faticato a trovare il ritmo, poi col susseguirsi delle discese ha preso maggior convinzione delle proprie capacità ed ha regalato al CS Esercito un nuovo successo. La skialper di Padola ha regolato la compagna di squadra Giulia Compagnoni con un discreto margine e le due sono risultate, nell’assoluta femminile, anche le migliori davanti alla senior tedesca Von Borstel. Si sa che Elena Nicolini è in ripresa, la vittoria di ieri nella sprint faceva sperare in un successo almeno tra le senior, ma oggi le è toccato il secondo posto dietro alla tedesca. Prima tra le master invece la friulana Monica Sartogo.

Età: 97 giorno(i)

© by WhatsBroadcast

Altre notizie di Sci alpinismo

A presto con le nostre News...